COVID-19: Il dilemma etico rivela le debolezze nella due diligence della catena di approvvigionamento

Go back to the Blog

di Sylvain Guyoton

Ogni sera, in tutto il mondo, le persone si affacciano alle finestre e ai balconi per applaudire i nostri eroi in prima linea – il personale medico e coloro che li supportano con cibo e servizi – per il loro coraggio di mettere a rischio la propria vita per combattere questo virus. Ma pochi di noi possono essere consapevoli del fatto che ci sono altri lavoratori, nascosti nelle profondità della catena di approvvigionamento, che lavorano duramente in condizioni di schiavitù per garantire rifornimenti che consentano a questi eroi di continuare il loro lavoro. Qui sta il dilemma etico che dobbiamo affrontare, ancor più una volta superata questa crisi.

Sacrificare i diritti umani per salvare vite umane?

Un esempio significativo: i produttori di guanti per uso sanitario sono stati sopraffatti da una grande domanda a causa della lotta contro il coronavirus (in alcuni casi aumentata del 100%). L’adempimento di tali ordini è reso ancora più impegnativo perché le fabbriche hanno dovuto ridurre la loro capacità produttiva al fine di rispettare le linee guida sulla salute e sul distanziamento sociale. Ma il Covid-19 ha distolto la nostra attenzione dal fatto che la produzione di guanti di gomma è stata oggetto di accuse di abuso dei diritti umani per anni. Un esempio recente di azione esecutiva risale a settembre 2019, quando il produttore di guanti di gomma malese WRP è stato sottoposto a un embargo da parte delle autorità americane per sospette condizioni di lavoro forzato. Questo è solo uno dei tanti esempi.

Avanzando di sei mesi nel pieno della crisi da coronavirus vediamo che, il 23 marzo, gli Stati Uniti hanno revocato il Withhold Release Order, spiegando che WRP non produceva più guanti di gomma in condizioni di lavoro forzato. Il governo del Regno Unito ha affrontato un dilemma simile con un produttore chiamato Supermaxx, anch’esso della Malesia.

Queste società hanno improvvisamente migliorato le loro condizioni di lavoro, incoraggiando gli acquirenti europei e americani a effettuare nuovi ordini per i loro prodotti? Oppure le autorità hanno semplicemente chiuso gli occhi di fronte a queste presunte violazioni per rispondere alla mancanza di dispositivi di protezione? Se sei obbligato a scegliere tra aumentare il numero di vittime Covid-19 e il rischio di mantenere relazioni con aziende che potrebbero non soddisfare del tutto gli standard internazionali, il dilemma etico è ovviamente risolto nella direzione di salvare vite umane. Quando “la nave sta affondando“, non si mette più in discussione il contesto in cui sono stati fabbricati i giubbotti di salvataggio.

Questo dilemma avrebbe potuto essere previsto

Ma mentre continua la crisi Covid-19, e mentre le imprese si evolvono verso una Nuova Normalità, dobbiamo imparare una lezione fondamentale: la necessità per le multinazionali di selezionare attentamente i fornitori in relazione al tema dei diritti umani.

Secondo l’ILO, oltre 40 milioni di persone sono vittime della schiavitù moderna.

Tuttavia, i subappaltatori non possono essere controllati solo quando sono in gioco migliaia di vite umane. Bisogna giocare d’anticipo. Gli sforzi sono ancora insufficienti: il Barometro per gli Acquisti Sostenibili del 2019 (sviluppato in collaborazione con il Stern Center for Sustainable Business della NYU) rivela che anche se il 64% dei grandi gruppi multinazionali possiede un codice di condotta dei fornitori, solo il 38% di essi valuta i propri partner ogni anno. E in caso di carenza, l’unica soluzione per gli acquirenti è di aggirare i principi di Corporate Social Responsibility (CSR). Ciò potrebbe ulteriormente mettere in pericolo le aziende da un punto di vista legale, poiché il panorama normativo sulla due diligence nella catena di approvvigionamento è andato accelerando negli ultimi cinque anni. Ora, finalmente, leggi come il “dovere di diligenza” francese (devoir de vigilance) delle società madri e subappaltatrici, adottato nel 2017, e il Modern Slavery Act del Regno Unito emanato nel 2015 stanno assumendo il loro pieno significato.

La globalizzazione sarà in calo – ma non finirà – quindi la due diligence nella catena di approvvigionamento è essenziale

Negli ultimi anni, la guerra di Donald Trump al commercio transfrontaliero ha sollevato la questione se la globalizzazione fosse finita. Il coronavirus ha accelerato il desiderio degli Stati di diventare autosufficienti.

Il 31 marzo, Emmanuel Macron desiderava una “piena e completa indipendenza” per la Francia in termini di maschere protettive. Sebbene le economie procedano verso un riequilibrio a favore di circuiti di approvvigionamento più brevi perché per così tanto tempo si sono orientate verso tutto ciò che è globale, dopo il coronavirus non diventeranno tutte locali. Locale e globale rimarranno le due facce della stessa medaglia, di cui dobbiamo imparare a gestire le tensioni. I guanti per uso sanitario continueranno ad essere acquistati dall’altra parte del pianeta perché le piantagioni di alberi necessarie per fabbricare la gomma sono presenti principalmente nelle regioni tropicali. Proprio come per alcune materie prime utilizzate nelle apparecchiature mediche, continueremo a dipendere da paesi “a rischio” per le questioni relative ai diritti umani. La chiave sarà sviluppare programmi di approvvigionamento sostenibili efficaci, che impiegano i migliori dati e strumenti disponibili, per costruire una base di approvvigionamento che riduca al minimo il rischio di interruzione garantendo al contempo condizioni di lavoro dignitose lungo tutta la catena.

Mentre aspettiamo la fine della pandemia Covid-19, mentre applaudiamo il personale medico in prima linea, non dimentichiamo anche di rendere omaggio agli eroi invisibili, i lavoratori di tutto il mondo che producono dispositivi di protezione per i nostri infermieri e dottori.

Per saperne di più sull’impatto del Covid-19 sulle catene di approvvigionamento globali — e le sfide che le imprese dovranno affrontare con il ritorno alla normalità, guarda la nostra infografica sulle quattro fasi della risposta della catena di approvvigionamento al Covid-19.