Spotlight 2: Miglioramento delle metriche di procurement

Serie Ritorno sulla Sostenibilità

Go back to the Blog

Ritorno sulla sostenibilità: miglioramento delle metriche di procurement

Le metriche tradizionali come costo, qualità e consegna rimangono gli indicatori chiave utilizzati dai team di procurement durante lo sviluppo di strategie di supply chain. Anche i costi correlati, come i costi di scelta e gestione dei fornitori, svolgono un ruolo chiave. Le aziende che dispongono di programmi solidi di procurement sostenibile scoprono che queste metriche migliorano quando includono nell’equazione le prestazioni di sostenibilità dei fornitori. Questi vantaggi comprendono la riduzione dei costi di trasporto e una vasta gamma di benefici derivanti dal consolidamento dei fornitori, una pratica che sta guadagnando sempre più popolarità negli ultimi dieci anni.

Aree di esempio di creazione di valore per metriche di procurement

Ritorno sulla Sostenibilità

 

Risparmio sui costi di consolidamento dei fornitori

Per un esempio di come calcolare il valore, possiamo vedere come i criteri di sostenibilità possono essere utilizzati per il risparmio sui costi operativi di procurement attraverso il consolidamento della base di approvvigionamento. In una ricerca intitolata The Benefits of Supplier Consolidation Extend Far Beyond Sourcing Savings, The Hackett Group ha dimostrato che il costo per reperire un fornitore, inserirlo nei sistemi interni e gestire la relazione su base continuativa è compreso tra 700 e 1.400 dollari annuali. Le aziende con solidi programmi di approvvigionamento sostenibile riescono a ottimizzare i costi di spesa grazie a una più attenta selezione di fornitori con prestazioni più elevate in termini di sostenibilità, riducendo o eliminando altri che non si impegnano o non dimostrano un miglioramento continuo della sostenibilità, che è spesso un indicatore della futura capacità di innovazione. 

Inoltre, il consolidamento dei fornitori non riduce solo i costi di approvvigionamento e amministrazione. Offre maggiore leva al buyer o al category manager per negoziare prezzi più bassi.

 

Il 53% dei leader di procurement sostenibile afferma che le metriche di approvvigionamento della propria organizzazione sono migliorate grazie a pratiche di acquisto responsabili.

“Quando un fornitore dimostra il suo impegno nei confronti della CRS, sta dimostrando la sua capacità di guardare avanti.”

Top 5 Beverages Company

 

Per Novelis, la percentuale di contenuto di alluminio riciclato diventa un parametro chiave

Le aziende leader spostano la propria visione e fissano obiettivi ambiziosi per poter crescere in un futuro a basse emissioni di carbonio. Questo può richiedere una nuova attenzione su nuove metriche di procurement. La catena di approvvigionamento di alluminio ne è un esempio.

L’alluminio riciclato richiede il 95% in meno di energia e produce il 95% in meno di emissioni di gas serra (GHG) rispetto alla produzione di alluminio primario. Questa è stata la motivazione che ha spinto Novelis, leader globale nel settore dell’alluminio, ad annunciare nel 2011 l’obiettivo di aumentare dell’80% il contenuto riciclato dei suoi prodotti entro il 2020.

Descritto in questo case study sul procurement rigenerativo di Volans, Novelis da allora ha effettuato investimenti di quasi 500 milioni di dollari nelle sue operazioni di riciclo globale e ha raddoppiato la sua capacità di riciclo annuale a 2,1 milioni di tonnellate. Novelis ha aperto il più grande impianto di riciclo dell’alluminio al mondo e ha ridisegnato la raccolta di imballaggi post-consumo, riducendo così in modo sostanziale le emissioni di gas a effetto serra, il tutto aumentando le vendite. Sono stati in grado di realizzare questo cambiamento solo attraverso la collaborazione e il dialogo con i clienti chiave e i partner della catena del valore.

Le pratiche di procurement sostenibile de L’Occitane creano fiducia ed efficienza

Fondata con l’idea di preservare le tradizioni della Provenza, l’azienda cosmetica internazionale con sede in Francia ha posto la sostenibilità al centro della sua strategia. E – come ha scoperto – questo impegno è stato ripagato.

Innanzitutto, la politica del Gruppo sulle filiere sostenibili fa della conservazione della biodiversità il suo elemento integrante. Come indicato nel Rapporto di sostenibilità 2019, L’Occitane privilegia gli ingredienti biologici e ben 42 supply chain, su un totale di 66 del gruppo, sono certificate organiche.

Questo lavoro richiede una stretta collaborazione con i fornitori. Questo è il motivo per cui il gruppo ha lavorato attraverso programmi globali, collaborando con circa 20 affiliati in tutto il mondo e, di conseguenza, ha acquisito una comprensione più profonda della sua base di fornitura, a qualsiasi livello.

Quali sono stati i risultati?

  • Consolidamento dei fornitori: la base dei fornitori è stata ridotta della metà;
  • Risparmio sui costi: il gruppo ha ridotto i costi del 20-30% a seconda della categoria;
  • Maggiore impegno delle parti interessate quando la sostenibilità è integrata;
  • Processi più rapidi quando si combinano sostenibilità ed efficienza dei costi;
  • Migliore qualità: i fornitori con prestazioni migliori nella sostenibilità offrono anche una qualità migliore.

Come EcoVadis può aiutare

Mappatura e screening dei rischi
Valutazione e rating
Mitigazione dei rischi e monitoraggio continuo
Formazione del buyer
Un indicatore di performance di sostenibilità comparato

 

Scopri come possiamo aiutare la tua azienda a promuovere un valore aziendale sostenible e a misurarlo. →